Consulenza e Assistenza nell'applicazione dei Principi Contabili Internazionali IAS/IFRS

Forniamo tutta la consulenza specialistica per l'applicazione dei Principi Contabili OIC Nazionali e per i Principi Contabili Internazionali.

Forniamo assistenza alle Società Clienti nella transizione verso tali Principi.

Studio Foscoli Consulenza principi contabili internazionali
Principi contabili internazionali IAS/IFRS sviluppo del Business

Il Regolamento n. 1606/2002 prevede che tutti i gruppi quotati in un qualunque mercato regolamentato dell’Unione Europea (o che hanno strumenti finanziari diffusi), a partire dal 2005, redigono obbligatoriamente il proprio bilancio consolidato in base ai principi IFRS e, in Italia, con il D.Lgs. n. 38/2005, l’obbligo è stato esteso agli istituti di credito e alle compagnie assicurative, anche non quotati. 

 

Il bilancio di esercizio delle società capogruppo quotate, nonché degli istituti di credito, deve pure essere predisposto in base ai principi emanati dallo IASB.

 

Le compagnie assicurative, invece, continuano ad applicare il D.Lgs. n. 173/1997 per il proprio bilancio di esercizio, tranne nei casi in cui siano quotate e non redigano già il consolidato IFRS.

 

I principi contabili nazionali, pertanto, non sono più utilizzabili per i gruppi quotati e neppure per il bilancio di esercizio di alcune tipologie di società.

 

Inoltre, il D.Lgs. n. 38/2005 ha ampliato ulteriormente il numero delle società che possono adottare i principi IFRS in via facoltativa. Essi si possono utilizzare, dal 2005:

a) nel consolidato e nel bilancio individuale per società consolidate da quotate, da società con strumenti finanziari diffusi, da banche e da enti finanziari sottoposti a vigilanza;

b) per altre società che redigono il consolidato e per le società da queste consolidate.

 

il legislatore italiano di recente ha ampliato in modo rilevante il numero di soggetti che possono oggi adottare i principi dello IASB. 

 

Infatti,  ai sensi dell’art. 20, comma 2, D.L. n. 91/2014, è stato rimosso proprio il divieto stabilito dall’art. 4, comma 6, del decreto 38.

Questo significa che non esiste più il divieto di utilizzare i principi contabili IFRS nel bilancio di esercizio di società italiane stand-alone (tranne quelle che possono redigere il bilancio abbreviato ex art. 2435-bis c.c.), vale a dire non incluse nell’area di consolidamento di gruppi IFRS.

Quindi, a meno che non appartenga, per dimensioni, alla categoria delle società minori di cui all’art. 2435-bis del nostro Codice civile, qualunque società di capitali italiana può, fin dal bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2014, applicare i principi internazionali in luogo di quelli nazionali.

 

Le recenti novità.

 

Tra il secondo semestre 2014 e il gennaio 2015 sono stati ripubblicati praticamente tutti i principi contabili internazionali (emanati nel 2005) e, nella loro nuova veste, sono già entrati in vigore per le società che, avendo l’esercizio coincidente con l’anno solare, hanno chiuso il bilancio al 31/12/2014.

 

Le norme civilistiche sul bilancio, ex  D.Lgs. n. 127/1991, attualmente in vigore. stanno per cambiare.

Il 29 giugno 2013 è stata pubblicata sulla G.U.U.E. L182 la nuova direttiva n. 2013/34/EU del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013 relativa ai bilanci d’esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative relazioni di specifiche tipologie di imprese, recante modifica della direttiva n. 2006/43/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e abrogazione delle direttive n. 78/660/CEE e n. 83/349/CEE del Consiglio. Essa entrerà in vigore nei singoli Paesi membri tramite il meccanismo del recepimento nelle norme nazionali, che dovrà avvenire entro il 20 luglio 2015. Le nuove norme potranno essere applicate già a partire dal bilancio relativo all'esercizio che ha inizio il 1° gennaio 2016.

Nuovo Aggiornamento: Principi Contabili Nazionali in vigore dal 01/01/2016 (O.I.C.)

Il recepimento da parte della legislazione nazionale della Direttiva Comunitaria n. 34/2013/UE si è concluso con l'approvazione del D.Lgs. 139/2015, che ha rivoluzionato la struttura del Bilancio civilistico e di quello Consolidato italiani.

Importanti sono le novità introdotte per le società che adottato i Principi contabili nazionali, con effetto dal 01/01/2016.

Pertanto, i bilanci finanziari che saranno redatti nel 2017, dovranno tenere conto delle modifiche agli schemi utilizzati e delle novità introdotte dalle norme sopra indicate.

A questo proposito, segnaliamo che i relativi importanti aggiornamenti pubblicati dall'Organismo Italiano di Contabilità (O.I.C.) ai principi contabili nazionali sono consultabili sul sito: http://www.fondazioneoic.eu/.

 

 

 Scritto e pubblicato il 2017-01-30T08:28:38+01:00 Ultima modifica: 2017-01-30T08:29:25+01:00

Pianificazione e sviluppo aziendali
Pianificazione e sviluppo aziendali

Breve introduzione ai Principi Contabili Internazionali IAS/IFRS

 

Uno dei principali obiettivi della Comunità Europea è quello dell'Armonizzazione delle regole contabili.

 

L'azione comunitaria, in questo campo, ha il fine di agevolare lo sviluppo e l'efficienza dei mercati finanziari, anche attraverso l'adozione di principi contabili omogenei in tutti i Paesi aderenti all'Unione, in modo da ottenere la confrontabilità dei bilanci delle Imprese europee.

 

L'introduzione progressiva di un insieme di regole contabili organico, coordinato qualitativamente riconosciuto a livello internazionale, di cui i Principi Contabili Internazionali IAS/IFRS predisposti dallo IASE (International Accounting Standard Board), sono la compiuta espressione, risponde a questa importante esigenza.

 

In Italia, l'obbligo o la facoltà di applicare i principi contabili internazionali è prevista dal D.Lgs. n.38/2005.

 

I soggetti obbligati, a partire dal 1 gennaio 2015, sono rappresentanti dalle società quotate, società con strumenti finanziari diffusi, banche e intermediari finanziari e imprese di assicurazione.

 

Le altre società continueranno ad applicare la normativa interna, destinata, comunque, ad essere modificata per adeguarsi alle regole internazionali.

 

Il processo di introduzione nella normativa interna dei principi contabili internazionali ha determinato e continua a produrre non pochi problemi applicativi, soprattutto a causa dei differenti destinatari, criteri di valutazione e finalità del bilancio di esercizio, rispetto a quanto previsto dagli IAS/IFRS.

 

A questi problemi applicativi si è inteso porre rimedio attraverso la pubblicazione di numerosi principi contabili, inizialmente sorti come documenti interpretativi della legge, ma subito destinati ad assumere il carattere di norme aventi forza di legge.

 

Questo scopo è stato raggiunto già attraverso l'elencazione degli IAS contenuta nel regolamento comunitario n.1725 del 2003.

 

La predisposizione dei bilanci (d'esercizio o consolidato) secondo i principi contabili internazionali si può rivelare un'importante opportunità anche per le società ancora non obbligate dalla legge e, anzi, per quelle che sono presenti o hanno contatti commerciali nei Paesi esteri è oramai una necessità.

 

La consulenza relativa a questo importante servizio è disponibile presso il nostro Studio, per guidare le società interessate sia alla prima adozione dei principi contabili internazionali, sia alla sua prosecuzione.

 

Analoga assistenza viene assicurata alle società che continuano ad applicare i principi contabili nazionali.

  

5 Stelle

E' la Valutazione dei nostri Clienti su Google!

 

Contattaci Direttamente!

 

Sede di Roma:

06 94801414

 

Per tutte le altre Sedi:

Centralino Unico:

0744 438009

 

oppure

 

Compila e invia il form sottostante per un contatto immediato.

Potrai così usufruire delle migliori soluzioni e di una consulenza personalizzata!

 

 Selezionando l'apposito pulsante o compilando e inviando il form autorizzi lo Studio Foscoli al trattamento dei tuoi dati personali al fine di rispondere al Tuo messaggio (Leggi la Sezione dedicata all'informativa Privacy posta a fine pagina nel footer)).

Form per il contatto Diretto:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Studio Commerciale Foscoli risparmio ed efficienza
Studio Commerciale Foscoli risparmio ed efficienza

 

Studio Foscoli Consulenza

Dottori Commercialisti

Sedi; Via G.Mazzini 29/L

05100 Terni (TR)

00196 Roma Prati RM

20124 Milano 

Tel.Fisso Unico:

0744 438009

 

 

Sede di Roma:

06 94801414

 

email:

studiofoscoli@gmail.com

Partita IVA: 00767590557

Orari di Apertura(su appuntamento):

Lun. - Ven.: 09,00 - 12,30

e 16,00 - 18,00.

 

Sabato mattina per appuntamento.

 

Dove siamo

ANALISI E PERIZIE ANATOCISMO BANCARIO E TASSI USURA


Richiedi

 

 

ANALISI E CONSULENZA SUI RAPPORTI BANCARI E FINANZIARI:

- TASSO D'INTERESSE

- SPESE

- COMMISSIONI

- CENTRALE RISCHI

- BANCHE DATI

- ACCESSO AL CREDITO

 

 

Consulenza accordo ristrutturazione dei debiti

Legge 27 gennaio 2012, n.3

LE NOSTRE NEWS

Vai alla pagina: i Nostri Articoli e

Seguici su Twitter cliccando sul seguente bottone:

Informativa sui Cookies: clicca su Privacy in fondo alla pagina.

ODCEC Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili